Navigation Menu+

Sito Unesco

Patrimonio dell’umanità:

Le aree monumentali delle necropoli di Cerveteri e Tarquinia

Ultimo quarto del IV sec. a.C. Necropoli della Banditaccia, Cerveteri.

Tomba dei rilievi, ultimo quarto del IV sec. a.C. Necropoli della Banditaccia, Cerveteri.

Le Necropoli di Cerveteri e Tarquinia rappresentano un capolavoro del genio creativo dell’uomo: i dipinti murali presenti su vasta scala a Tarquinia, sono eccezionali sia per qualità formali che per il contenuto delle raffigurazioni che rivelano aspetti della vita quotidiana, della morte e delle credenze religiose degli antichi Etruschi. Il contesto funerario di Cerveteri riflette gli stessi schemi urbanistici e architettonici della città antica. Le due Necropoli costituiscono una testimonianza unica ed eccezionale dell’antica civiltà etrusca, l’unico tipo di civiltà urbana dell’Italia pre-romana

 

Prima metà del V sec. a.C. Necropoli dei Monterozzi, Tarquinia.

Tomba dei Leopardi, prima metà del V sec. a.C. Necropoli dei Monterozzi, Tarquinia.

Decennale del riconoscimento Unesco 2004 – 2014